Il campo magnetico del cuore

Il Toro è lo schema principale che la natura utilizza su ogni scala. Sistemi organizzati come questo, permettono lo sviluppo dell’universo. Il sistema legato alla struttura toroidale è infatti un sistema in equilibrio che ritroviamo ovunque in natura: nella sezione di una mela o di una arancia, in un uragano, nel campo magnetico terrestre e nelle sue dinamiche atmosferiche, nella superficie solare, intorno all’essere umano, intorno ad una galassia e persino intorno all’atomo. L’universo, ovunque si guardi, ha sviluppato un solo progetto, creare tori!

Il toro è il respiro dell’universo che trova stabilità nell’equilibrio vettoriale; un campo di forze in 3D perfettamente bilanciato, con 12 linee (guarda caso 12 sono i meridiani sia nell’uomo che nel pianeta Terra) uguali di energia che irradiano verso l’esterno e che gli antichi conoscevano molto bene. Un sistema semplice formato quindi da un cristallo contenente 64 tetraedi all’interno dell’equilibrio vettoriale iscritto in un toro. 64 sono i codoni che codificano il DNA umano, l’antico sistema di saggezza antico cinese I-Ching si basa su 64 esagrammi così come l’albero della vita della cabala ebraica crea la stessa struttura.

Questo meccanismo consente di attingere alla cosiddetta energia di punto zero, radiante o libera. L’energia sottile a cui si fa riferimento, come nel caso dei meridiani umani,non è di natura elettrica, ma può indurre campi e correnti elettriche per via delle sue proprietà magnetiche. Questa energia conosciuta come “chi” dai cinesi o “prana” è la manifestazione della forza vitale che anima i sistemi viventi ed è di natura entropica negativa; spinge cioè gli organismi verso un maggior ordine ed un più stabile equilibrio energetico “cellulare”. Quando ad esempio il flusso dell’energia vitale verso un determinato organo è deficitaria o squilibrata, si verificano fenomeni di disorganizzazione cellulare.

7803265_orig

La struttura toroidale quindi partendo dal punto di connessione centrale con questa energia permette che il flusso salga verso l’alto in spirale destrogira e raggiunto l’apice del toro ridiscenda verso il basso al fine di tornare al punto zero e riprendere il ciclo. Come abbiamo visto avviene in tutti i sistemi universali. Qualsiasi sia il disturbo a questo ciclo genera una defezione, quindi l’energia non completa il ciclo e si disperde altrove nello spazio multidimensionale. Nell’essere umano ad esempio parte dalle gonadi, chakra swadhisthana, sale verso il cuore chakra anahata per poi raggiungere la ghiandola pituitaria o epifisi (terzo occhio) e dal chakra della corona poi ridiscendere per ristabilire il ciclo. Questa è ciò che viene chiamata respirazione trasmutatoria che si pratica in Meditazione. Rappresenta un ciclo non dispersivo di energie, che i popoli antichi conoscevano molto bene, nel quale l’energia si accumula permettendo il salto di ottava quantico energetico. La respirazione è a tutti gli effetti il portale di connessione col nostro lato sottile, infatti è l’unica azione dell’organismo ad avere una duplice valenza sia autonoma che vegetativa.

Il respiro possiamo controllarlo, amplificando o diminuendo gli atti di ispirazione e espirazione, ma possiamo lasciare anche che sia il sistema nervoso vegetativo ad occuparsene, cosa che non accade ad esempio col cuore o l’intestino. L’essere umano ha quasi del tutto dimenticato queste incredibili conoscenze molto antiche ed infatti non completando più il ciclo crea un’ errore che lo porterà alla fine dei tempi. Per interrompere un armonia c’è bisogno di una disarmonia dalla quale bisogna essere attratti e indotti dall’inganno all’errore. La disarmonia è L’EGO che ci trae in inganno facendoci cadere. Non a caso quando seguiamo l’ego, in uno scatto d’ira ad esempio, non respiriamo più, entriamo in apnea e disperdiamo energia non permettendo la chiusura del ciclo, oppure quando facciamo l’amore o sesso, avviene la stessa cosa e cosi via. Portate sempre attenzione al vostro respiro, non lasciatevi sedurre dal Male Disarmonico, siate presenti il più possibile, aiutatevi con la meditazione e soprattutto chiudete il CICLO del TORO!

8307801_orig

Fonte: kricio.com


Un cervello nel cuore

Lo spazio sacro del cuore, chiamato a volte la camera segreta del cuore, è una dimensione senza tempo della coscienza in cui tutte le cose sono possibili, qui e ora.
Nei testi antichi e nelle tradizioni orali di tutto il mondo si trovano riferimenti a un luogo segreto o speciale all’interno del cuore. Una breve citazione dei versi della Chandogya Upanishad dice: “Vasto come questo spazio esterno è il minuscolo spazio dentro al nostro cuore: in esso si trovano il cielo e la terra, il fuoco e l’aria, il sole e la luna, la luce che illumina e le costellazioni, qualunque cosa quaggiù vi appartenga e tutto ciò che non vi appartiene, tutto questo è raccolto in quel minuscolo spazio dentro al vostro cuore”. Un altro riferimento è costituito dal libro collegato alla Torah detto “La camera segreta del cuore”.
E forse la scienza sta incominciando ad affrontare cautamente proprio questa comprensione. Un gruppo di ricerca, l’Institute of HeartMath (N.d.T.: Istituto di matematica del cuore) di Boulder Creek, in California, collegato all’Università di Stanford, ha scoperto alcuni nuovi dati molto interessanti. Queste informazioni potrebbero essere utili ad alcuni di voi che stanno cercando di comprendere il cuore. Non è un’impresa facile, ma quando la mente collabora, il cuore risponde.
C’è sempre stato questo paradosso: quando viene concepito un bambino, il cuore umano inizia a battere prima che il cervello sia formato. Ciò ha portato i medici a chiedersi da dove provenga l’intelligenza necessaria ad avviare e regolare il battito cardiaco. Con sorpresa del mondo medico, gli scienziati dell’HeartMath hanno scoperto che il cuore ha il proprio cervello – sì, un autentico cervello con vere e proprie cellule cerebrali. È molto piccolo, ha soltanto all’incirca quarantamila cellule, ma è un cervello e ovviamente è tutto ciò di cui il cuore ha bisogno. Questa è stata una scoperta di enorme importanza e conferma la veridicità delle affermazioni di coloro che per secoli hanno parlato o scritto sull’intelligenza del cuore.

florvidaGli scienziati dell’HeartMath hanno fatto una scoperta forse ancora più grande riguardo al cuore. Hanno dimostrato che il cuore umano genera il campo energetico più ampio e potente di tutti quelli generati da qualsiasi altro organo del corpo, compreso il cervello all’interno del cranio. Hanno scoperto che questo campo elettromagnetico ha un diametro che si estende dai due metri e mezzo ai tre metri, con l’asse centrato nel cuore. La sua forma ricorda quella acciambellata di un toro, forma spesso considerata la più unica e primaria dell’universo.

Per chi ha studiato entrambi i volumi de L’antico segreto del Fiore della Vita queste informazioni sul campo toroidale del cuore suoneranno molto familiari. Nel Cubo di Metatron si possono trovare i cinque solidi platonici l’uno dentro l’altro, e ciascuno di essi contiene in sé una copia più piccola della forma originale – un cubo dentro un cubo, un ottaedro dentro un ottaedro e così via.

Fruit-of-Life_Platonic-Solids_02
Qui è raffigurato un campo elettromagnetico toroidale che sorge dal cuore, con un campo toroidale più piccolo al suo interno, ed entrambi sono centrati sullo stesso asse, proprio come i cinque solidi platonici nel Cubo di Metatron.

cuore3

Il cuore genera il più ampio campo elettromagnetico del corpo

I campi elettromagnetici generati dal cuore permeano ogni cellula e possono agire come un segnale sincronizzatore per il corpo in maniera analoga all’informazione portata dalle onde radio. L’evidenza sperimentale dimostra che questa energia non solo è trasmessa internamente al cervello ma è anche recepibile da altri che si trovino nel suo raggio di comunicazione. Il cuore genera il più ampio campo elettromagnetico del corpo. Il campo elettrico come viene misurato dell’elettrocardiogramma(ECG) è all’incirca 60 volte più grande in ampiezza di quello generato dalle onde cerebrali registrate da un elettroencefalogramma (EEG). La componente magnetica del campo del cuore, che è all’incirca 5000 volte più potente di quella prodotta dal cervello, non è impedita dai tessuti e può essere misurata a diversi piedi di distanza dal corpo con uno Strumento a Superconduzione di Interferenze Quantiche (SQUID) basato su magnetometri. E’ stato anche rilevato che le chiare modalità ritmiche nella variabilità della cadenza del battito cardiaco sono distintamente alterate dall’esperienza di differenti emozioni. Questi cambiamenti nelle onde elettromagnetiche, nella pressione sanguigna e in quella sonora, prodotti dall’attività del ritmo cardiaco sono percepite da ogni cellula del corpo a ulteriore supporto del ruolo del cuore quale globale e interno segnale di sincronizzazione.

[Fonte: Applications of Bioelectromagnetic Medicine (Applicazioni cliniche di Medicina Bioelettromacgnetica). P.J. Rosch e M.S. Markov, New York 2004 – Istitute of HeartMath® – www.heartmath.org]

Fonte: scienzaeconoscenza.it


Il campo magnetico della Terra è allineato a quello del Cuore

Sebbene ci sia molto che ignoriamo rispetto alla coscienza, una cosa la sappiamo per certo: è fatta di energia. Quella energia include il magnetismo. Anche se potremmo dedicarci all’esplorazione della natura magnetica della coscienza per altri cento anni senza però riuscire a risolvere tutti i suoi misteri. Un crescente corpus di prove oggi indica che il campo magnetico della terra gioca un ruolo molto importante nel collegarci gli uni agli altri e anche al pianeta.

A settembre del 2001 due satelliti ambientali operativi geostazionari (GOES), che orbitavano intorno alla terra, captarono un aumento del magnetismo globale che ha cambiato per sempre il modo in cui gli scienziati concepiscono noi e il mondo. Sia il GOES-8 che il GOES-10 evidenziarono un forte picco di intensità del campo geomagnetico nei dati che trasmettevano ogni trenta minuti. Sono state la scala di grandezza dei picchi e la loro tempistica ad attirare per prime l’attenzione degli scienziati.

Da un’altezza di circa 35.880 chilometri al di sopra dell’equatore, il GOES-8 ha captato la prima ondata, seguita da una tendenza al rialzo nelle letture, che superarono di quasi cinquanta unità (nanotesla) qualunque altro rilevamento precedente riferito allo stesso momento. Erano le 9.00 del mattino secondo l’Eastern Standard Time, l’ora standard dell’est, quindici minuti dopo che il primo aereo aveva colpito il World Trade Center e circa un quarto d’ora prima del secondo impatto.

La correlazione fra gli eventi e le rilevazioni era inspiegabile — e innegabile. I dati facevano sorgere due domande: esisteva un reale collegamento fra gli attacchi alle Torri Gemelle e i dati del satellite? In caso affermativo, qual’era il legame fra i due? È la risposta alla seconda domanda ad avere innescato la ricerca e l’ambiziosa iniziativa che ne sono conseguite.

Alcuni studi svolti in seguito dall’Università di Princeton e dall’Istituto di HeartMath — una innovativa istituzione senza scopo di lucro costituitasi nel 1991 per aprire la strada alla ricerca e sviluppo di tecnologie basare sul cuore – hanno scoperto che la correlazione tra i rilevamenti dei satelliti GOES e gli eventi dell’11 settembre rappresenta più di una semplice coincidenza. Grazie alla scoperta che i satelliti avevano già registrato in passato altri picchi simili a questi durante eventi di focalizzazione globale, come la morte della principessa Diana, il fattore che sembrava collegare i rilevamenti era chiaro: le indicazioni additavano il cuore umano.

In particolare, l’emozione basata sul cuore della popolazione mondiale, derivante da simili eventi, sembra influenzare i campi magnetici terrestri. La scoperta è resa così significativa dal fatto che quei campi sono ora collegati a tutto, dalla stabilità del clima alla pace fra le nazioni.

Fra le nuove scoperte ce ne sono due che danno nuovo significato a ciò che i satelliti ci hanno mostrato rispetto all’11 settembre del 2001:

Scoperta 1: è ben documentato che il cuore genera il campo magnetico più forte del corpo umano, circa cinquemila volte più intenso di quello del cervello. Quel campo crea una sagoma a forma di ciambella (toroide) che si estende ben oltre il corpo fisico e che è stata rilevata a distanze comprese fra 1,5 e 3 metri circa dal cuore fisico con asse verticale centrato sul cuore.

La sua forma Toroidale, è la forma spesso considerata la più unica e primaria dell’Universo.

I ricercatori hanno dimostrato che il cuore umano genera il campo energetico più esteso e potente di tutti gli organi del corpo, cervello compreso. Il campo elettrico come è misurato dell’elettrocardiogramma (ECG) è all’incirca 60 volte più potente di quello generato dalle onde cerebrali registrate da un elettroencefalogramma (EEG). La componente magnetica del campo del cuore è all’incirca 5000 volte più potente di quella prodotta dal cervello e può essere misurata a diversi centimetri di distanza dal corpo tramite uno strumento a Superconduzione di Interferenze Quantiche (SQUID) basato su magnetometri. Sapendo che questo campo esiste, i ricercatori di HearthMath si sono chiesti se in questo campo conosciuto trovasse posto anche un altro tipo di energia non ancora scoperto.

Implicazioni: il campo magnetico del cuore risponde alla qualità delle emozioni e sentimenti che generiamo nella nostra vita. Proprio come il legame intuitivo fra i sentimenti e il corpo sembra indicare, anche le emozioni positive aumentano l’equilibrio ormonale fisico e il ritmo cardiaco, oltre alla lucidità mentale e alla produttività. Altrettanto intuitivamente, gli studi dimostrano che le emozioni negative possono arrivare a influenzare fino a millequattrocento cambiamenti biochimici nell’organismo, che includono squilibrio ormonale, frequenza caotica cardiaca, “oscurità” mentale e bassi livelli di rendimento.

E’ stato anche rilevato che le chiare modalità ritmiche nella variabilità della cadenza del battito cardiaco sono distintamente alterate-modificate dall’esperienza di differenti emozioni = emo-azioni = movimento del sangue).

Questi cambiamenti derivanti dalle emozioni, nelle onde elettromagnetiche, fanno variare la frequenza del battito, la pressione sanguigna e quella sonora prodotta dall’attività del ritmo cardiaco, sono anche percepiti da ogni cellula del corpo ad ulteriore supporto del ruolo del cuore quale globale e interno segnale di sincronizzazione fisiologica di ogni organo e sistema con i ritmi del cuore.

Scoperta 2: determinati strati dell’atmosfera terrestre, oltre alla terra stessa, generano ciò che oggi viene definita una “sinfonia” di frequenze (comprese fra 0,01 e 300 hertz), alcune delle quali si sovrappongono alle stesse frequenze create dal cuore mentre comunica col cervello. È proprio questo rapporto apparentemente antico e quasi olistico fra il cuore umano e lo scudo che rende possibile la vita sulla terra ad aver generato una splendida teoria e il progetto che la sta esplorando. Detto in parole usate dai ricercatori di HeartMath, il rapporto fra il cuore umano e il campo magnetico terrestre indica che «una intensa emozione collettiva esercita un impatto misurabile sul campo geomagnetico della Terra».

Implicazioni: se possiamo imparare il linguaggio del cuore — lo stesso che lo scudo protettivo magnetico della terra riconosce e al quale risponde — allora possiamo partecipare agli effetti che il campo esercita su ogni forma di vita. I cambiamenti nei campi magnetici a cui accediamo attraverso il cuore sono stati associati a mutamenti che includono l’attività del cervello e del sistema nervoso, quali la memoria e le prestazioni atletiche; la capacità delle piante di creare sostanze nutritive vitali; la mortalità umana imputabile alle cardiopatie; e il numero di casi conosciuti di depressione e suicidio, per citarne alcuni.

Queste due scoperte hanno spalancato le porte alla riscoperta del rapporto perduto fra noi e la Terra.
Se una fetta sufficientemente estesa della popolazione terrestre dovesse focalizzare il campo piu’ potente del corpo umano su una singola emozione nello stesso momento, avrebbe assolutamente senso che tale punto focale influisse sulla parte di pianeta che opera in base alla stessa gamma di frequenze rispetto alle emozioni.

Il rapporto è chiaro: un cambiamento in ciò che proviamo verso noi stessi e il nostro mondo ha il potenziale di influire sul mondo stesso.

Fonte: dionidream.com


toroide-cuore-cosmo

Mettici il cuore

Il Pensiero Crea la Realtà“, un’affermazione che oggi va molto di moda, ma fallace sia dal punto di vista concettuale che scientifico. Il pensiero, semmai, influenza l’osservazione e l’interpretazione della realtà, di fatto creandola… ma nel senso di “rappresentazione” e dunque di approccio alla realtà. Questo emerge dagli ultimi studi di fisica quantistica. Seppur in modo inconscio l’uomo è un co-creatore continuo, infatti quando pensa, parla, desidera, soffre, gioisce, ecc…, crea delle strutture energetiche attorno a sé, che saranno tanto più potenti e resistenti, quanto più forti sono stati i pensieri, i sentimenti, i desideri, e le emozioni che le hanno generate. In questo modo viene a crearsi una struttura energetica vitalizzata che prende il nome di “forma – pensiero”. Ecco perché è importante l’approccio ad un problema, ad una terapia, ad un evento, ad una giornata importante, ad un impegno di qualunque tipo.

Non solo, abbiamo già spiegato che nell’embrione il primo organo a formarsi è il cuore.  Di fatto, è il cuore che regola finanche l’attività mentale. Le ultime scoperte scientifiche dimostrano che è l’attività pensante che è programmata per corrispondere al cuore e non il contrario.

Si sa… il cervello (e la sua area pensante: la mente-intelletto-logica) crede di essere il capo (da qui anche il nome di testa=capo) e vorrebbe sempre tener testa. Tuttavia è il cuore la più ampia area ritmica che accoglie la nostra intelligenza intuitiva, è il cuore il “governatore”.. Il cuore fisiologico è l’organo più sonoro del nostro corpo, il suo ritmo scandisce il contrarsi e l’espandersi del movimento della vita in ogni punto nodale dell’organismo. In questo senso tutto il corpo pulsa nel Cuore, anche se a una prima occhiata distratta potrebbe sembrare il contrario.

Il cuore possiede anche un sistema nervoso autonomo, per più della metà è costituito da neuroni e può diminuire e accelerare i propri battiti senza ricevere impulsi dal cervello. Lo sviluppo evolutivo del cervello che si è dimostrato progressivo e plastico sembra richiedere ora più che mai il coinvolgimento del cuore. Tutto ciò si muove dal magnetismo del cuore e dall’elettricità del cervello… ma è soprattutto il Campo energetico del sistema cardiaco che riconosce e risuona (pulsa) all’interno del Campo Morfico/sincronico che permea l’universo in tutta la sua essenza… fino allo stadio fondamentale dell’energia vitale cosmica.

Ebbene, la scienza insegna che dal Vuoto “nasce” il potenziale di ogni forma energetico-materalizzata esistente nell’InFinito, si tratta del cosiddetto “Vuoto quantomeccanico”, ma è anche il Brahama dell’ideologia orientale e se vogliamo anche il “Dio” (YHWH, Allah, ecc…) del mondo occidentale nella sua accezione originale ed esoterica, dal quale Tutto derivava ed al quale tutto è collegato e vive: nell’Essere(Infinito) è quindi presente (l’Infinito) ogni particella esistente, atomo, molecola, cellula, essere vivente od inanimato.

Di fatto, oggi anche alcuni filosofi della scienza cominciano a credere che esiste una CoScienza dell’UniVerso, prodotta dall’Essere stesso e presente in ogni suo punto od Ente dell’Universo; e questa coScienza si osserva e si interroga su ciò che l’ha generata… come direbbero gli esoteristi. Di fatto, l’auto-coscienza dell’UniVerso è la proprietà intrinseca che Egli possiede di generare al suo interno ed in ogni punto di sé, una qualche forma di vita intelligente, in grado di effettuare osservazioni su di sé e sulle cause della propria esistenza, secondo il “Principio Antropico” (generando così il , l’ “Io“).

Allora, quanto descritto nella prima parte di questo “speciale”, ci spiega il perché dell’insistenza nelle culture spirituali di tutto il mondo sul concetto di Amore, intesa come “emozione primordiale”, una vibrazionetalmente forte da ergersi ad assoluta, poiché è la base energetica da cui tutto si emana e dunque evolve.Essa è infatti la forza che unisce tutto, come l’empatia dell’amore che genera compassione e partecipazione per tutte le “forme” viventi.

I mistici lo “concepivano” come l’energia più pura, la forza elettromagnetica in grado di fare quei “miracoli” che oggi la scienza studia in laboratorio (Dante scriveva: «L’amor che move il sole e l’altre stelle». Paradiso XXXIII,145) .

Era la sostanza dell’Essere trascendentale, la divinità impersonale e onnicomprendente.

Cuore_EnergiaAl contrario, i religiosi faziosi lo “concettualizzavano” (dunque vittime dell’ingannevole mente) attraverso Colui che usiamo chiamare Dio (un’entità personale dunque..). Nondimeno, è bene chiarire un fatto: l’energia del cuore non ha alcuna sfumatura sentimentalecosì come l’Essere divino non si cura dell’uomo, giacché non è un Entità personale (Un “qualcuno” che ci guarda dall’alto..), ma è Essere, la “sostanza” dell’energia quantistica del cosmo: l’esseità naturale che evolve. L’amore, come forza energetica primaria (quella tanto decantata dai mistici), è la madre delle emozioni –l’energia che, allo stadio spazio-tempo, si identifica con il concetto di “Volontà”. Nondimeno, è qualcosa di ancor più puro delle emozioni che hanno a che fare con il nostro stadio energetico (quello relativo efenomenico): le nostre emozioni infatti vanno e vengono, sono soggette alle situazioni, hanno degli alti e bassi. L’amore invece è costante: è un sintonizzarsi con se stessi (ovvero sulla nostra essenza: sull’Essere). Infatti: le emozioni legate all’innamoramento passano, mentre l’amore resta.

«Un’unica Forza, l’Amore, unisce e da vita ad infiniti mondi», affermava Giordano Bruno.

Abbiamo visto come questa “forza” potrebbe “coincidere” con l’ “energia nucleare” che i fisici oggi chiamano “debole”. Quindi la forza elettrodebole, in realtà, è il lato “luminoso” della Forza che muove tre generazioni di materia –solo una è osservabile e soggetta alle leggi naturali (quella degli atomi), le altre due sono super-naturali (materia ed energia oscura) –l’Aria, l’Acqua e il Fuoco: i tre diversi generi di materia studiati anche dall’ermetismo esoterico e alchemico. In ogni caso è proprio questa forza invisibile che genera l’energia elettromagnetica di cui abbiamo parlato finora. Tuttavia, l’elettromagnetico riflette una realtà frammentata e a bassa energia, molto inferiore a quella del delicato, ma possente, “campo debole”, che “muove il sole e le altre stelle” e che noi possiamo lambire solo attraverso il campo energetico del nostro sistema cardiaco e cerebrale.

Ebbene, ogni essere vivente comunica le proprie emozioni; per l’uomo tra l’altro le parole e la mente sono importantissime: nell’emozione di proferir parola c’è sempre un’onda vibrazionale… ma le parole non sono la mente, semplicemente la attraversano. La mente è fatta di parole, ma al subconscio arriva più esattamente l’informazione insita a quell’emozione. Lo scopo di questo “speciale” è di fatto quello di ficcarvi nella zucca che è la sensazione il vero veicolo dell’informazione pura… i pensieri e la parola sono i “mezzi”, ma l’informazione è nell’emozione!!!

biocentrismoL’energia infatti non codifica certo il “significato delle parole”, ma sa invece risuonare con l’informazione contenuta nell’emozione, in quanto la sensazione altro non è che un’onda vibrazionale, ossia energia. Perciò se io affermo una cosa in modo distaccato, sto parlando, l’unica onda che si propaga è dunque quella del pensiero, che da sola non può fare molto per la realizzazione della nostra vita. Se invece io affermo un qualcosa con impeto, emozione e partecipazione, oltre al pensiero (che contiene il “significato” dell’affermazione e che è codificato dalla mente nell’intersoggettività sociale per capirci..) si muoverà anche l’emozione, la quale frequenza, questa si, potrà innescare la risonanza giusta per “attrarre” energie simpatiche/simili che ci circondano in natura. È la sensazione infatti che, canalizzando il pensiero, vibra e risuona con le frequenze dell’universo; è attraverso di essa che ognuno di noi è co-creatore della propria realtà in natura.

Di fatto, poiché tutto è energia, anche noi siamo fatti di energia che vibra ad una certa frequenza. Come accennato, la “qualità” di questa vibrazione fa si che certe frequenze siano armoniche o caotiche. Così, sappiamo che l’energia si solidifica facendosi coscienza individuale, attraverso il movimento soggettivizzante dell’energia cosmica stessa (avendo a che fare dunque con la materia). Ebbene, se in quell’istante noi vibriamo di frequenze armoniche, restiamo allora connessi e in salute, se invece… su un altro livello di vibrazioni, ossia quelle mentali del pensiero, iniziamo a influenzare quella frequenza armonica trasformandola in modo disarmonico, allora, si produrranno pensieri e sensazioni negative, dunque stress e di conseguenza disfunzioni fisiologiche.

Questo è possibile perché il “campo debole” si muove dall’energia oscura delle stelle fino a discendere nello stadio frequenziale della materia che ci compone: dalle sue altissime energie originarie fino a quelle basse osservate. Con le sue altissime frequenze questa “luce pesante” può ripiegare le nostre proteine in nano-secondi, un fatto questo che è ancora un mistero per scienza e medicina, le quali, pur riconoscendo il vincolo tra la salute del corpo umano e i suoi spin nucleari, ancora non riescono a comprendere la “luce energetica” che li “anima”!

Allora, per rimanere nell’esatta natura delle frequenze armoniche bisogna accordare i nostri pensieri secondo la giusta frequenza della matrice d’onda (il campo quantico morfogenetico), e questo è possibile solo grazie a ciò che le incanala per natura: ossia attraverso le frequenze generate dal campo magnetico del sistema cardiaco. E’ il suo sistema nervoso ed endocrino, infatti, il meccanismo quantistico e sincronico(ciò che gli Orientali hanno ricostruito attraverso l’intervento dei Chakra) che mantiene intatta l’energia cosmica della Matrice quantica; e questo è possibile grazie ad un flusso elettromagnetico che noi chiamiamo appunto sensazioni.

Di conseguenza, si tratta dello stesso processo in grado anche di rendere disarmonica la sinergia quantica non appena iniziamo a vibrare su altre frequenze da quelle “morfiche” dell’Essere, quando infatti il nostro pensiero le ammetterà come emozioni distruttive trasferendole alla nostra mente attraverso informazioni negative, che poi causeranno non a caso stress e infelicità, se non malattie… (una sorta di avvertimento per dirci che nella nostra vita c’è qualcosa che non va -la natura non lascia niente al caso).

Abbiamo ben spiegato nei capitoli precedenti come i campi elettromagnetici generati dal nostro cuore permeano ogni cellula e possono agire come un segnale sincronizzatore per il corpo in maniera analoga all’informazione portata dalle onde radio… questa “neurobiologia” influenza la nostra intersoggettività, il nostro approccio al mondo e dunque la realtà della nostra vita.

Spiego meglio: se desideriamo una cosa e vogliamo ottenerla, dobbiamo sintonizzarci sulla specifica frequenza in grado di toccare ciò che vogliamo. L’Osservatore riceve tutte le frequenze ed è quindi l’unico in grado di sintonizzarsi su specifiche frequenze. L’Osservatore può focalizzarsi, dispiegare e ripiegare la materia collassandola in base alle frequenze su cui è sintonizzato. Noi siamo come dei diapason che vibrano in base alle frequenze delle nostre intenzioni, che attirano e fanno vibrare, sulle medesime frequenze, altri diapason che sono in risonanza nell’universo. Tutto già coesiste, quindi basta sintonizzarsi e rimanere sintonizzati su quelle frequenze.

Il nostro magnetismo è un sistema in equilibrio tra la componete elettrica, ossia il pensiero, e quellamagnetica, cioè l’emozione; quando queste seguono il flusso emanato dalla “frequenza madre” (della Matrice morfogenetica dell’universo) allora esse sono “a bordo” della frequenza evolutiva dell’intero campo quantistico, che in quel caso è pur sempre “scortata” dalla nostra volontà/emozione che abbiamo scelto (giacché ci rende felici). A quel punto la carica elettromagnetica collassa (manifesta) proprio quell’esperienza intenzionale. Così si crea la realtà più spettacolare… direi.

Perciò il cuore è la più potente risorsa dell’uomo per pensare in modo efficace, assumere decisioni valide e agire con coerenza ed efficienza.

Non solo, sono le emozioni che mutano il nostro DNA, agiscono parallelamente sul nostro cervello, influenzando i nostri pensieri, le nostre credenze e le nostre azioni, e lo fanno quando permettiamo ai nostri pensieri di vibrare coerenti col campo magnetico del sistema cardiaco stesso.

Quando una persona vive emozioni e pensieri “separativi” (paura, collera, diffidenza, invidia, ecc…), i tracciati della frequenza cardiaca e quello delle onde cerebrali sono disarmoniciincoerenti, uno va da una parte e l’altro va dall’altra. E’ il caos, la porta che apre al malessere, il tipico “mal di vivere”, con tutte le conseguenze negative su soma e psiche che potete immaginare.

Quando invece la persona nutre emozioni e pensieri “unitivi“, intuitivi ed elevati (compassione, gentilezza, cooperazione, rispetto, ecc…), non solo il tracciato della frequenza cardiaca e quello delle onde cerebrali sono armoniose, ma si è scoperto che è proprio il cuore a guidare la danza, le onde cerebrali non possono fare naturalmente altro che sincronizzarsi sulle variazioni del ritmo cardiaco. A quel punto i due sono perfettamente allineati, entrando in uno stato di coerenza, di benessere che produce energia creativa. Tra l’altro, Johann Wolfgang von Goethe affermava: «Le passioni sono difetti o virtù solamente se portate all’estremo».

Pertanto, se vogliamo cambiare la realtà, ma soprattutto la nostra vita, dobbiamo metterci il cuore ancor prima del pensiero, in ogni caso non si potrà prescindere da esso, perché dipenderà dalle sensazioni se il nostro pensiero trasferirà le giuste informazioni alla mente, ossia a quei flussi cognitivi in grado di influenzare il nostro stato esistenziale e materiale, e soprattutto le nostre azioni… è la mente che infatti successivamente determinerà il buono o il cattivo tempo (a seconda della nostra sensazione predominate).

Fonte: risvegliodiunadea


Strumenti utili per l’Evoluzione

Il mondo soggettivo (Non esiste alcun mondo oggettivo)

Cos’è il mondo? La chiave di comprensione del potere umano.

Ci è stato inculcato per secoli che esiste un mondo oggettivo, un mondo esattamente misurabile e quindi uguale per tutti, un unico mondo. Un tale mondo non esiste ! La fisica e la neurobiologia hanno dimostrato che un mondo oggettivo non esiste.

La fisica quantistica ha constatato che un “qualcosa” può essere osservato sia come particella, sia come vibrazione. E ciò dipende dall’osservatore [1]. Perciò il mondo viene influenzato dall’osservatore. Il mondo oggettivo non esiste. Il mondo è ciò che di esso pensiamo: è quello che noi vogliamo vedere !

Non siamo quindi in balia di un qualche mondo buono o cattivo. Noi, e solo noi decidiamo quale sia il nostro mondo. Noi e solo noi decidiamo se il nostro mondo è buono o cattivo.

Cos’è il mondo? Il mondo è ciò che di esso pensiamo ! Che cosa significa questo per la nostra vita? Significa che per noi è vero ciò che consideriamo vero.

Cosa pensiamo del mondo? Qualunque cosa pensiamo, lo è. Questo è potere!

Dunque non esiste un unico mondo, ma ne esistono molti. Ogni persona vive nel mondo che essa si è creato con il proprio pensiero. Questo ha delle conseguenze di grande portata. Proviamo a sostituire il termine “mondo” con altre parole :

  •     Mia moglie è ciò che penso di lei.
  •     Mio marito è ciò che penso di lui.
  •     I miei figli sono ciò che penso di loro.
  •     I miei collaboratoti sono ciò che penso di loro.
  •     Il mio capo è ciò che penso di lui
  •     I miei clienti sono ciò che penso di loro.
  •     La recessione è ciò che penso di essa.

Quale potere incredibile è contenuto in queste affermazioni! Se pensiamo che quanto suddetto sia pura teoria, abbiamo ragione: il mondo è ciò che pensiamo di esso!

Perciò ognuno ha la sua propria verità.

L’essere umano con il suo potenziale di per sé illimitato si rende di sua propria volontà completamente impotente. Nessuno sarebbe capace di fare altrettanto!

Gli uomini sono come specchi posti l’uno di fronte all’altro. Tutto il mondo funziona da specchio. Noi vediamo in esso sempre e solo noi stessi. Vediamo aggressioni se siamo aggressivi. Vediamo pace se siamo in pace.

Noi creiamo il mondo con i nostri pensieri.

Ogni essere umano ha la sua propria verità. E questo è l’unico punto fisso di partenza per una discussione costruttiva. Se affrontiamo la discussione pensando che esista il “vero” e il “non-vero”, non otteniamo nulla, tranne il litigio. Noi abbiamo ragione, l’altro ha torto. La cosa irritante della questione è che l’altro vede le cose esattamente al contrario. Se invece affrontiamo la discussione pensando che “ognuno ha la sua propria verità”, è possibile un confronto costruttivo.

Ognuno di noi è ciò che pensa e crede di se stesso. Se penso di essere un incapace, quello sono. Se penso di essere un Dio, quello sono. E ci accade sempre quanto crediamo ci debba accadere.

Il mondo è ciò che di esso pensiamo. E tutto è UNO. Se noi cambiamo cambia anche il mondo che ci circonda e quindi le persone con le quali ci relazioniamo.

Ognuno di noi è veramente un essere onnipotente!

Affermiamo sempre : “Io sono” e “Io so” ! “Io sono onnipotente e onnisciente” !

 

Tutto è unità

L’uomo si sente separato dagli altri, dalla natura e persino dalla vita. Sentirsi separati è tuttavia un’illusione umana, in verità questa separazione non esiste affatto. E’ una sensazione che nasce dal pensiero razionale (di testa). Il pensiero di cuore non conosce sentimento di separazione. Questo ci fa capire quanto abbiamo isolato la testa dal cuore.

Non esiste alcuna separazione tra gli esseri umani, tra l’essere umano e la natura, tra gli eventi, qualunque sia la distanza tra di loro!

In altre parole, ogni parte dell’universo contiene le informazioni sul tutto. Ogni persona dispone di tutta la conoscenza del cosmo, dispone di onniscienza! Nel DNA di ogni cellula è contenuto il tutto.

Nel cosmo non esiste separazione, ma unità. Questa è la realtà ! In questa conoscenza sta la soluzione di tutti i nostri problemi.

I mistici lo sanno da sempre : Tutto è UNO
I fisici lo sanno : Tutto è UNO.

Gesù lo sapeva e lo disse : “Ciò che avete fatto al più piccolo dei miei fratelli, lo avete fatto a me.” Ed anche : “Io ed il Padre siamo UNO.”

Sai Baba dice: “L’individuo e l’universo sono la stessa cosa, così come l’onda è il mare. L’immergevisi dà pienezza. Nell’immergersi in esso, l’ego si dissolve; tutti i simboli e i segni dell’individualità, come nome, forma, casta, colore, credo, nazionalità, chiesa, setta, diritti e doveri conseguenti, svaniscono. Per tali individui, che si sono liberati della ristrettezza dell’individualità, l’unico compito è il perfezionamento dell’umanità, il benessere del mondo e la diffusione dell’amore. Anche senza che essi agiscano, lo stato di beatitudine in cui si trovano spanderà beatitudine sul mondo. L’amore è tutto; l’amore è di tutti”.

La comunicazione totale

Poiché tutto è vibrazione e tutto è UNO, allora nel cosmo esiste una comunicazione totale – tutto comunica con tutto; che lo vogliamo o meno. Nessuno è isolato; nessuno può isolarsi. La comunicazione è sia consapevole, sia inconscia. Questo è stato dimostrato anche dalla fisica quantistica (Teorema di Bell).

Noi comunichiamo con tutto nel cosmo, e il cosmo comunica con noi. Perciò non c’è nessuna distanza tra noi e il prossimo. Qualunque cosa pensiamo di una persona la comunichiamo ad essa, ovunque sia. Che lo vogliamo o no, con il nostro pensiero influenziamo il mondo.

Le conseguenze del nostro potere illimitato: i problemi sono solvibili

Alcune persone credono che certi problemi e conflitti non siano risolvibili. Queste persone hanno ragione per due motivi :

1.    perché il mondo è ciò che ogni essere umano pensa di esso;
2.    perché molti problemi effettivamente non sono risolvibili con il nostro tradizionale modo di pensare.

Altri sono invece dell’opinione che tutti i problemi e conflitti  siano risolvibili. Ed anche loro hanno ragione per due motivi :

1.    perché il mondo è ciò che ogni essere umano pensa di esso;
2.    perché essi propongono un modo di pensare radicalmente diverso.

Riassumiamo qui i principi che devono essere rispettati :

  1. Ogni essere umano deve iniziare ogni cambiamento da se stesso. Smettiamola di intrometterci nelle faccende degli altri.
  2. Ogni essere umano dispone di libera volontà; può pensare ciò che vuole. Può cambiare ogni momento il suo pensiero, e con ciò cambiare il suo futuro.
  3. Il potenziale di ogni essere umano non è limitato, ma illimitato. L’uomo deve impiegare questo potenziale illimitato se vuole risolvere in modo ottimale i suoi problemi e se vuole raggiungere più rapidamente i suoi obiettivi.
  4. Tutto è vibrazione/energia. Di conseguenza tutto può essere cambiato a piacere.
  5. Non esiste alcun mondo oggettivo. Il mondo è ciò che io penso di esso. Ciò dà ad ogni essere umano un incredibile potere. Con il suo pensiero egli può cambiare il mondo.
  6. Tutto è UNO. Le conseguenze di questa conoscenza sono incalcolabili; portano all’eliminazione dei conflitti e quindi ad un comportamento estremamente economico. Questo significa che gli obiettivi vengono raggiunti in minor tempo e che i problemi vengono risolti più rapidamente.
  7. Dobbiamo liberarci dal pensiero di “o questo, o quello”, che è limitato e portatore di conflitti, e passare al pensiero di “sia questo, sia quello”. Ciò significa che dobbiamo smettere di giudicare continuamente la vita.

Presupposto di tutto ciò è la nostra capacità di abbattere le barriere dei tradizionali sistemi di credenze che noi stessi ci siamo imposti. Non c’è altra via.

Fonte: lorecalle.it


 

LIBRI SULL’ARGOMENTO

La Fisica di Dio - Libro

Voto medio su 13 recensioni: Buono

Il Cervello Quantico - Libro

Voto medio su 4 recensioni: Da non perdere

La Mente di Dio - DVD

Voto medio su 15 recensioni: Da non perdere

Risveglia lo Sciamano che è in Te - Libro

Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere

L'Effetto Isaia

Voto medio su 32 recensioni: Da non perdere

Oltre la Particella di Dio - Libro
Psico Quantum - Libro

Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere

Bleep - Ma Che Bip Sappiamo Veramente? - Libro

Voto medio su 32 recensioni: Buono

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. SalvoSipio ha detto:

    L’articolo è ottimo nei rimandi e nelle allusioni, si collega all’Antico con Parole Nuove!

  2. Vito Ventura ha detto:

    Complimenti per la qualità dell’articolo: per l’immediatezza offerta alla comprensione e la scelta dei termini, nonostante l’argomento sia notevolmente complesso (per minimizzare); per la scientificità offerta ed i riferimenti applicabili alla vita di ognuno e di tutti i giorni. Ti divulgo più che volentieri e come meglio posso, se sei d’accordo!
    GRAZIE, Essere di Luce che abiti il corpo di Laura Callegaro

    Colui che abita il vestito di supposta carne, invero energia, chiamato Vito Ventura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L'attivazione dei cookie agevola la navigazione sul Web. I cookie sono file creati dai siti web che hai visitato, che memorizzano informazioni, ad esempio la tua lingua preferita o i dati del profilo. Questo sito non fa uso di cookie a fini di profilazione. Sono presenti invece cookie di terze parti per l'integrazione con i social network. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. L'attivazione dei cookie agevola la navigazione sul Web. I cookie sono file creati dai siti web che hai visitato, che memorizzano informazioni, ad esempio la tua lingua preferita o i dati del profilo. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi