Vigila sui tuoi pensieri

Se sorvegliate i vostri pensieri i vostri pensieri sorveglieranno voi.

Quando una qualunque persona, indipendentemente da chi sia e dal suo sviluppo spirituale, emozionale o mentale, sceglie di focalizzarsi primariamente sull’oscurità o su qualsiasi cosa mancante di luce, corre il rischio di attirare delle entità.

Tuttavia, questa non è l’unica cosa che le attrae; ci sono molti che proprio per via della quantità di luce che emettono, hanno attirato l’attenzione di esseri simili. Queste entità, infatti, nonostante si concentrino sull’oscurità per propria scelta, hanno un innato desiderio di venire liberati. Ma dato che non sanno come riuscirvi, continuano a rimanere nel pantano di quel buio, pur desiderando la luce. Nel momento in cui la intravedono, gravitano verso di essa: ecco il motivo per cui c’è bisogno di essere emozionalmente maturi, mentalmente maturi, e spiritualmente maturi, in un paritario stato di equilibrio tra queste cose, poiché potreste anche essere spiritualmente elevati quanto il più grande dei guru sul pianeta, ma se vi trovate in uno stato di sviluppo emozionale fermo all’età di 5 anni e passate la vita re-agendo con l’ego, le entità si attaccheranno a questa vostra energia.

Ed è infatti chi si avvicina alla Luce ma è immaturo a livello emozionale, o a livello mentale, a correre il maggior rischio che delle entità si attacchino, semplicemente perché la luce dello spirito cattura la loro attenzione, così quelle arrivano e… che banchetto! trovano tutti quei lati del sé emozionalmente o mentalmente non-maturi, che affondano nell’oscurità e sguazzano in tutte quelle energie negative.E così, ecco che diventate un vero e proprio buffet, con tanto di dolce, salato, portata principale e dessert…Molti dicono “Ma se alle entità non offro attenzione, perché dovrebbero venire a disturbarmi?”

Se in una qualsiasi area della vostra vita vi state focalizzando su delle negatività quali per esempio il pettegolezzo, il giudizio, la derisione altrui, allora vi esponete al rischio che un’entità vi si attacchi. Non potete giungere ad uno stato di completa memoria se dipendete ancora dall’oscurità.

Quando giudicate qualcuno, indulgete all’oscurità.
Quando parlate alle spalle di qualcuno, sguazzate nell’oscurità.
Quando nel cuore coltivate invidia e rancore verso qualcuno, affondate nell’oscurità.
Gelosia, avidità, cupidigia, tutti questi vizi sono i cancelli verso le dimensioni dell’oscurità.

Pettegolezzi, critiche, giudizi, rifiuti e derisioni sono a tutti gli effetti magia nera! E la cosa vale non solo quando proiettate queste cose su altri; perché quando lo fate verso voi stessi, è ancor peggio. Il pettegolezzo è la magia più nera che esista, perché le parole hanno un potere enorme. Le parole sono potere, perché danno corpo a delle vibrazioni, vibrazioni che potreste anche non percepire, o nemmeno comprendere. Però gli effetti delle vibrazioni di queste parole li sentite.

Quando qualcuno a cui tenete profondamente vi dice “ti amo”, il vostro corpo risponde in maniera positiva. Se la stessa persona vi dice qualcosa di negativo, il vostro corpo subisce uno shock, si ritrae e prova dolore, emozionale e spesso anche fisico. E’ la vibrazione di quelle parole, unitamente alla comprensione del significato dei termini, a ferirvi. Ora, questo è quanto accade, quando avviene faccia a faccia. Quando però vi sedete tra voi al solo scopo di sparlare della vita di qualcun altro, semplicemente perché non vi piace particolarmente il suo stile di vita, o il modo in cui sceglie di pensarla, o perché siete gelosi di quella persona, invidiosi, o non la capite, allora state giocando col fuoco. Quell’energia crea una forma, la vibrazione di quell’energia è come un richiamo per le entità – “ehilà sono qui, venite a prendermi!, ho un po’ di cibo per voi! Un’intera ciotola di energia negativa davvero squisita!”

E’ qualcosa di cui tutti dovrebbero davvero divenire consapevoli. E le cose vanno ancora oltre. Quante volte, entrando nel vostro grande magazzino, trovate in giro ovunque delle riviste che schiamazzano “ULTIMO PETTEGOLEZZO SU…!” ? Che energia starà mai emanando? Cosa vi sta invitando a fare? Vi sta invitando a farvi coinvolgere nel dramma della vita di qualcun altro, qualcuno che neanche conoscete! Vi sta distraendo dallo scopo della vostra vita, vi distoglie da ciò che è importante per voi. E’ molto più facile puntare e fissare l’attenzione sulle faccende di altri, dimostrare quanto siano cattivi, quanto siano insicuri,quanto siano poco integri e siano venuti meno a certe cose alle quali voi credete siano venuti meno, cose che voi credete manchino di integrità.

Pettegolezzi

Eppure, voi non conoscete l’essenza totale della vita di quell’individuo.

Se state parlando di qualcuno che sta avviando un affare, e lo giudicate dicendo “oh mio dio, credevo fosse così spirituale”, cosa conoscete in realtà della sua vita, e delle circostanze che l’hanno portata a quel comportamento? Non sapete nulla! Vi state concentrando sulla superficie e quando fate questo aprite le botole del piano astrale invitando letteralmente le energie negative ad entrare e ad unirsi al vostro pettegolezzo. L’altra cosa che state facendo – e ora che conoscete la Legge dell’Attrazione, vi dovrebbe esser facile capirlo – le parole che state pronunciando le state evocando per voi stessi! Perciò, quel che accade è che altre persone sparleranno di voi, vi punteranno il dito contro, vi respingeranno e vi accuseranno di non essere integri, ecc, ecc! Perché credete avvenga? Perché l’avete evocato, vi siete concentrati su quello e avete fatto della magia. Avete creato la vostra stessa magia nera. Ciò apre le porte alle entità, perché si attacchino e si nutrano dell’energia che avete creato in quell’ambiente. La persona o le persone che state giudicando, criticando o di cui sparlate, si trovano quindi sotto attacco psichico da parte vostra e voi ne sarete ritenuti responsabili.

Siete mai stati oggetto di critica, accuse, giudizio o pettegolezzo da parte di qualcuno? E cosa provavate? Son sicuro che se andate indietro col pensiero, potete ricordare di avere avuto la sensazione che tutta l’energia vi fosse stata prosciugata dal corpo, come se vi foste indeboliti – e shock, incredulità, tristezza, afflizione, rabbia, colpa, vergogna , erano le emozioni che provavate. Ed esattamente queste sono le emozioni che vengono evocate negli altri quando voi fate la stessa cosa. Quindi, è sufficiente un batter d’occhio perché delle entità vi si attacchino e hanno accesso a voi in maniera molto più estesa di quanto vi rendiate conto. E’ di vitale importanza che capiate le sottigliezze insite nell’attirarle dentro al vostro spazio. Se dunque andate da chi incontrate a parlare del supposto torto che quella persona vi ha fatto, a quel punto state spettegolando! State creando della fanghiglia psichica che attirerà a voi un’entità, che si nutrirà di quell’energia. Ricordate, lasciarvi trascinare in conversazioni sulla vita di altri significa venire indotti ad ignorare la vostra stessa vita. Venite distolti dal senso stesso dell’esistenza che è la gioia di Essere e Vivere.

Quindi, la negatività vi fa letteralmente impazzire. Ignorando il vostro sé, vi conducete da soli alla pazzia; avere paura dei momenti di silenzio col vostro sé, vi porta ad impazzire; avere paura del creare, vi porta ad impazzire. Il momento della paura, vi porta alla pazzia. E così, un’entità entra. Cosa fa? Vi attacca attraverso il chakra più vulnerabile, solitamente il plesso solare o il chakra sacrale. Dopo un certo periodo di tempo, vi sentite svogliati, depressi, arrabbiati, tutto vi irrita, tutti quelli che vedete vi irritano e i problemi di chiunque vi irritano, e più siete irritati, frustrati ed arrabbiati, più divenite un pasto prelibato! Perciò quell’entità si accerterà che la vostra attenzione rimanga concentrata su una sempre maggiore negatività, perché è di questo che si nutre.

Per quanto essa desideri la luce, ha bisogno di ciò che la mantiene viva – la vostra paura che abbassa il vostro livello vibratorio e quindi il vostro campo di energia.

Qualsiasi cosa contenga rabbia, attira energie negative. Questo non accade quando capita di avere una o qualche brutta giornata, ma quando la cosa va avanti e si protrae, che esiste la grande possibilità che abbiate una o più entità attaccate. Talvolta le entità si attaccano tramite uno spazio abitato. Possono trovarsi in alcuni luoghi in cui entrate fisicamente. Può trattarsi di una casa in cui traslocate, il terreno su cui vivete, un posto che visitate; persino una zona che state attraversando in auto e che percepite essere estremamente pesante e buia che le contiene. Il mondo ne è pieno poiché sono state create dalle paure focalizzate degli uomini che le alimentano continuamente e le riproducono. Se scegliete quindi di insistere a fissarvi su cose negative si aggrapperanno per certo a voi e se non cambiate atteggiamento lavorando su voi stessi gli permetterete di consolidarsi e influenzare la vostra esistenza e quella di chi vi sta vicino.

Felicità

Più vi mantenete luminosi e leggeri, più difficile sarà che vi aggrediscano. Perché? Perché le vibrazioni della luce sono così veloci ed elevate che le entità non sono in grado di attaccarcisi, dato che la loro frequenza è molto più densa di quella della luce, e così non hanno alcun modo per “agganciarsi”, o afferrarla, o lanciare alcun cordone in un qualche vostro chakra vulnerabile.

La ragione principale per cui non dovreste focalizzarvi su queste energie è che non dovete sprecare la vostra preziosa energia e il vostro prezioso tempo per focalizzarvi sui drammi della vita altrui quando c’è già così tanto nella vostra stessa vita che richiede la vostra attenzione. E non necessariamente deve trattarsi di problemi da risolvere; quell’energia potete invece usarla in modo creativo. E’ energia che potete usare per nutrire la vostra vita, per venire ispirati, per farvi venire in mente nuove creazioni, nuove idee, per investire quell’energia nella vostra esistenza, nei vostri sogni, nei vostri intenti o in qualsiasi cosa scegliete di fare. Ritraete quell’energia dentro di VOI e indirizzatela verso il flusso dei vostri scopi e del vostro piano. Stabilite quindi i vostri obiettivi e abbiate piena fiducia in ciò che siete, in ciò che fate e negli altri. Siate ottimisti, costanti, determinati e responsabili pensando in grande.Così cresce la certezza di raggiungere i traguardi superando qualsiasi ostacolo di ogni forma e natura.

Non paragonatevi a nessuno piuttosto, amatevi e valorizzatevi ogni giorno innamorandovi di voi stessi e del vostro modo di percepire e riscoprire la vita.Siate grati, consapevoli e felici di essere Unici poiché lo siete e lo manifesterete nella misura in cui sceglierete di vivere nella pienezza della vostra unicità!

Vigila sui tuoi pensieri perchè diventeranno le tue parole.
Vigila sulle tue parole perchè diventeranno le tue azioni.
Vigila sulle tue azioni perchè diventeranno le tue abitudini.
Vigila sulle tue abitudini perchè diventeranno il tuo carattere.
Vigila sul tuo carattere perchè influenzerà il tuo destino!

Fonte: umaniindivenire | Link


Pane

L’uomo è energia, è fatto di energia, vive di energia, consuma energia e, per vivere in equilibrio, in armonia, per essere forte, in salute e felice, gli è indispensabile alimentarsi di energia, ma rigorosamente di energia a lui dedicata. L’uomo per vivere sano e forte deve assolutamente alimentare correttamente e adeguatamente la sua dimensione fisica, la sua dimensione intellettuale, la sua dimensione spirituale. Ci vuole un buon pane per il corpo, un buon pane per l’intelletto, un buon pane per lo spirito. Alimentare il corpo di cibo scadente indebolisce il corpo, alimentare l’intelletto di pensieri scadenti indebolisce la mente, alimentare lo spirito di dialoghi interiori scadenti indebolisce lo spirito.
Alimentare di cibo scadente una delle dimensioni dell’uomo, nel tempo compromette senz’altro anche le altre due, perché l’uomo è un’unità in tre dimensioni, perciò ogni dimensione è interdipendente con l’altra. Lentamente ma inesorabilmente l’uomo diventa ciò di cui si alimenta. Alimentare il cervello di pensieri di sottomissione, giudizio, pregiudizio, vendetta, rancore, sfiducia, competizione, sfida produce un certo tipo di energia cerebrale che può solo generare sofferenza, disagio, disarmonie, malattia. Alimentare lo spirito di dialoghi interiori di ingratitudine, possesso, invidia, avidità, produce un certo tipo di energia cerebrale che può solo generare infelicità, inquietudine, tensione. Alimentare il cervello di pensieri di comprensione, compassione, fiducia, collaborazione produce un certo tipo di energia cerebrale che può solo generare gioia, benessere, salute. Alimentare lo spirito di dialoghi interiori di accettazione, gratitudine, perdono, condivisione, gratuità, produce un certo tipo di energia cerebrale che può solo generare felicità, pace, armonia.

Fonte: peopleinpraise.org | Link

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L'attivazione dei cookie agevola la navigazione sul Web. I cookie sono file creati dai siti web che hai visitato, che memorizzano informazioni, ad esempio la tua lingua preferita o i dati del profilo. Questo sito non fa uso di cookie a fini di profilazione. Sono presenti invece cookie di terze parti per l'integrazione con i social network. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. L'attivazione dei cookie agevola la navigazione sul Web. I cookie sono file creati dai siti web che hai visitato, che memorizzano informazioni, ad esempio la tua lingua preferita o i dati del profilo. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi