La mente condiziona la tua vita. Ecco come controllarla.

La mente umana è un capolavoro meraviglioso che ha un potenziale immenso. La maggior parte del nostro potenziale, tuttavia, rimane inutilizzato poiché la nostra mente ci controlla. La mente corre attraverso la nostra vita guidando un’auto senza conducente, così facendo siamo preda di sofferenze e dolore costanti.

Ma se fossimo in grado di controllare la mente, la nostra vita cambierebbe completamente. Questo eccesso di velocità cambierebbe in una bellissima danza creativa, dandoci la felicità al posto del dolore.

La questione è, quindi, come siamo in grado di prendere il controllo sulla nostra mente?

La natura della mente

Al fine di controllare qualcosa, abbiamo prima bisogno di conoscere la natura di quella cosa, quindi dobbiamo conoscere la nostra mente in modo da essere a capo di essa. La cosa più importante che dobbiamo conoscere della nostra mente, è che non è qualcosa che esiste separatamente, individualmente, come un oggetto inanimato. La mente non è un oggetto bensì un processo, un processo di pensieri che trasmette costantemente in streaming. Questo flusso di pensieri è ciò che percepiamo come mente. Quando questi pensieri scompaiono, la mente scompare con loro, le due cose non sono in grado di coesistere. La natura di base dei pensieri, è che sono in continuo movimento, e questo movimento, quasi automaticamente, crea la mente.

Una caratteristica della nostra mente è che molte volte opera in modalità automatica. I pensieri vanno e vengono. Si possono sopprimere solo dopo notevoli sforzi, e anche allora solo per un breve periodo di tempo. Durante la maggior parte del nostro tempo di veglia, la nostra mente vaga nel passato o nel futuro. Nei nostri pensieri abbiamo a che fare con le nostre esperienze del passato, eventi che ci hanno fatto soffrire, oppure abbiamo a che fare con i nostri progetti per il futuro, gli obiettivi e le paure.

Un’altra caratteristica della nostra mente è che valuta costantemente le cose. Questo significa che noi non viviamo solo attraverso le nostre esperienze, ma anche che le classifichiamo come buone o cattive. Giudichiamo tutto ciò che ci accade. Questa categorizzazione permanente può facilmente condurre ad una percezione distorta del mondo. Se troviamo un’esperienza negativa, tenderemo a mantenere e rafforzare, quella categoria di esperienze simili in futuro. La nostra percezione sarà, quindi, essere selettivi, e noi accetteremo solo gli stimoli che rafforzeranno solo la nostra categorizzazione, tendendo ad ignorare quelli che cadono fuori dalle nostri abituali categorie.

La terza caratteristica molto importante della mente è che produce in modo permanente delle storie. Queste storie hanno spesso una fine disastrosa. Per esempio, improvvisamente cerco di ricordare se ho chiuso la porta di casa o no. La mente costruisce subito una storia intorno all’idea: ho lasciato aperto, un ladro è entrato, i miei oggetti sono stati rubati, e la polizia, invece di inseguire il ladro, mi sta molestando con le sue domande. Spesso sperimentiamo le conseguenze emotive di queste storie. L’insieme di esse comprende le nostre storie personali.

La maggior parte delle persone tende ad identificarsi con i suoi pensieri e le sue storie personali, vale a dire, con la sua mente. Molti individui non sono soddisfatti di quello che sono, sognano di avere una migliore e una più bella storia personale. Per questo motivo abbiamo creato un’immagine mentale del nostro sviluppo personale desiderata e le modalità per rendere il lavoro delle nostre menti più efficace.

Al fine di raggiungere l’immagine mentale che noi stessi abbiamo creato, ci imbarchiamo su un gioco stupido, tentiamo di portare le nostre menti sotto il nostro controllo e di essere i padroni del nostro sviluppo. Dal momento che non conosciamo la natura della mente, questa impresa è destinata a fallire fin dall’inizio.

Questo gioco è insensato, poiché in realtà una metà della Mente tenta di portare l’altra metà sotto il suo controllo. Una parte della nostra mente ci porta verso la crescita, mentre l’altra in pratica ci boicotta. Le immagini mentali lottano l’una contro l’altra, cercando di superarsi usando le armi della percezione selettiva e fabbricando storie. Una lotta continua, con il cambiamento di “fortuna” per tutta la nostra vita. A volte crediamo di fare progressi, stiamo migliorando, e un paio di settimane, mesi o anni più tardi ci lasciamo cadere nel baratro della disperazione.

Giochiamo a questo gioco stupido per tutta la nostra vita, perché non siamo in grado di riconoscere il semplice fatto che una mente non è in grado di superare se stessa. Potremmo, forse, con il massimo sforzo, reprimere ciò in cui crediamo e sarebbe un male per noi lavando via i risultati del nostro sviluppo personale.

La Libertà di tolleranza

Ora possiamo vedere che la strada che porta a controllare le nostre menti non riesce attraverso la loro soppressione. Non è possibile controllare la mente, nel senso comune del termine. In parte perché esiste solo nelle sue funzioni e nel suo funzionamento, e in parte perché non c’è nessuno a controllarla. Una metà della Mente, come abbiamo visto, non controlla, sopprime solo l’altra metà.

Per poter controllare le nostre menti, dobbiamo uscirne. Questa affermazione può sembrare sorprendente per molti di noi, dal momento che si tende a identificarsi pienamente con le nostre menti e con le sue operazioni. Fintanto che questa identificazione è forte, non saremo in grado di uscire dalla danza folle delle nostre menti; dovremo subirne solo le conseguenze.

Oggi, tuttavia, sempre più persone hanno incominciato a rendersi conto che noi siamo più delle nostre menti, più dei i nostri pensieri e delle nostre emozioni, e più della nostra storia personale di questi pensieri ed emozioni che si accumulano. La nostra attenzione non è più completamente impegnata a raccontare la nostra storia personale e ad identificarci con essa, noi diventiamo sempre più sensibili alle dimensioni più profonde della nostra vita. Cominciamo anche a notare le pause tra pensieri, e cominciamo a girare verso queste porte che conducono al di là della mente.

In queste pause tra pensieri, la mente non funziona, semplicemente svanisce. Ciò che resta è l’avviso di guardare la coscienza. Se siamo in grado di mettere radici in quella vigile coscienza, ci rendiamo conto che questa vigilanza è tollerante e guarda in modo distaccato la mente e le sue operazioni. Vedremo che non c’è niente di sbagliato nei nostri pensieri, niente di sbagliato nelle operazioni della mente. Non è necessario lottare contro la mente, in quanto non è un nemico, ma solo uno strumento che senza controllo, tende a funzionare in modo caotico.

Abbiamo solo la possibilità di conoscere la vera natura dei pensieri e delle funzioni della mente, se ci stacchiamo da loro, manteniamo una certa distanza e non li consideriamo come nemici. Impariamo a guardarli con affetto, e vedremo le sottili sfumature della mente, i giochi che gioca e i sogni che evoca.

Questo comportamento ci darà la possibilità di fermare il nostro pensiero senza sforzo. Una volta che il pensiero è stato sospeso, il flusso continuo di pensieri si ferma, la mente stessa sparisce e smette di funzionare.

Ora non cercheremo la nostra identità identificandoci con la mente, dal momento che abbiamo trovato il nostro centro reale, il nostro vero io, la nostra coscienza. Saremo consapevoli che i pensieri e la mente non sono realmente scomparsi, sono ancora lì, sono solo in uno stato dormiente. Il nostro atteggiamento verso i pensieri e la mente cambierà in quel momento. Noi pensiamo quando è necessario usarla e quando non ne abbiamo bisogno (ad esempio quando meditiamo). La mente non domina più la nostra vita, non è altro che un docile strumento che usiamo o non usiamo a nostro piacimento.

Ci rendiamo conto di quanto la mente sia un meraviglioso strumento e ora siamo in grado di usarlo per il suo scopo originale. E lo scopo della mente è di servire come mezzo di connessione, che ci connette al mondo, gli uni agli altri. Attraverso la mente, utilizzata con vigile coscienza, energie creative vengono rilasciate per il mondo per creare una meravigliosa armonia.

Fonte: it.anahera.news | Link

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L'attivazione dei cookie agevola la navigazione sul Web. I cookie sono file creati dai siti web che hai visitato, che memorizzano informazioni, ad esempio la tua lingua preferita o i dati del profilo. Questo sito non fa uso di cookie a fini di profilazione. Sono presenti invece cookie di terze parti per l'integrazione con i social network. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. L'attivazione dei cookie agevola la navigazione sul Web. I cookie sono file creati dai siti web che hai visitato, che memorizzano informazioni, ad esempio la tua lingua preferita o i dati del profilo. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi