Evadere dal carcere in 10 passi | 2: L’identificazione

Quando s’incarna, l’anima fabbrica un determinato apparato psicofisico: quello che meglio esprimerà le sue caratteristiche e che le consentirà di proseguire il suo percorso all’interno del pianeta-scuola, riprendendo il discorso dove lo aveva lasciato al termine dell’incarnazione precedente. Lo fa scegliendo i suoi genitori (e quindi una certa genetica) e l’ambiente dove nascerà.

I primi anni della fanciullezza servono ad abbandonare progressivamente l’identificazione con l’anima in favore di una sempre più completa identificazione con la macchina biologica (il corpo, le emozioni e, soprattutto, la mente). L’identificazione con la mente – che le farà dimenticare del tutto la propria origine – le consentirà di sviluppare la coscienza di sé, che non è possibile realizzare se non attraverso uno strumento duale come la mente umana e la sua appendice fisica, il cervello. L’albero, il pesce rosso, il topo… e alcuni autori televisivi, si trovano costantemente nell’Uno, tuttavia, non possedendo una mente duale, non possono divenire coscienti di sé.

La coscienza deriva dall’identificazione con uno strumento duale, capace cioè di dividere tutto in due:
esterno/interno
io/gli altri
caldo/freddo
ecc.

Dio – la Coscienza Assoluta – diviene cosciente di sé attraverso l’uomo.
Questa è la ragione evolutiva per cui esiste il pianeta-scuola, l’incarnazione delle anime individuali dentro corpi sempre differenti e, in ultima analisi, il perché dell’Universo stesso.

Quali sono invece gli aspetti negativi dell’identificazione?
In un percorso evolutivo regolare l’essere umano, una volta diventato cosciente di esistere, dovrebbe disidentificarsi dalla macchina biologica e identificarsi con la coscienza stessa, ossia l’anima. In tal modo, al termine dell’incarnazione, egli oltrepasserà la soglia in piena consapevolezza. Questa è l’immortalità di cui si tratta nel percorso magico-alchemico. Questo è ciò di cui parla Gesù quando dice: «In verità, in verità vi dico: se uno osserva la mia parola, non vedrà mai la morte».

Il punto è che tale passaggio del “centro di consapevolezza” dalla personalità all’anima, generalmente non si verifica, in quanto ciò che io sto scrivendo in queste dieci lezioni non viene di norma insegnato ai giovani nelle scuole, per cui essi credono che non ci sia uno scopo evolutivo per il loro esistere e divengono schiavi della “filosofia del caso”. Questa omissione educativa trasforma automaticamente il pianeta-scuola in uno psico-penitenziario da cui è difficile evadere.

Evadere dal carcere in 10 passi | 2: L'identificazione

Tu crederai allora di essere il tuo corpo, le tue concezioni intellettuali, le tue idee politiche o contro la politica, le tue idee religiose o contro la religione, la tua coscienza sociale, ecc. Chi ha il potere di influenzare le macchine biologiche per mezzo dei media e dell’educazione scolastica… tiene in pugno anche le anime, proprio in quanto queste ultime credono, per l’appunto, di essere solo un apparato psicofisico nato per caso. Se un subacqueo impazzisce e comincia a crede di essere la sua tuta da sub, quando io compro quella tuta e me la porto a casa… compro anche la persona che c’è dentro: il suo destino diventa il destino della tuta.

Così come si esce dalla meccanicità attraverso lo sforzo di combattere le vecchie abitudini e di crearne di nuove (vedi post precedente), si esce dall’identificazione attraverso l’auto-osservazione, la quale rappresenta l’elemento essenziale di tutto il lavoro su di sé. Parliamo della creazione di un »testimone« capace di osservare e annotare i comportamenti della macchina biologica nel corso della giornata. Si comincia con il tenere un diario dettagliato che viene compilato la sera, indicando i comportamenti della macchina a livello fisico, emotivo e mentale. Poi si passa al taccuino, che viene tenuto sempre in tasca e sul quale annotiamo, nei limiti del possibile anche sul posto di lavoro, i momenti più rilevanti che vive la macchina, in tempo reale; per poterlo poi rileggere la sera prima di andare a dormire. Infine appare il testimone vero e proprio, un osservatore costante di quanto accade momento per momento, direttamente nell’istante presente, e che non ha più bisogno di annotare nulla.

 

Per quanto vi riteniate evoluti spiritualmente e siate persone che meditano con costanza da decine di anni, vi prego di trovare in voi l’umiltà necessaria per cominciare questo percorso (una sorta di Spirituality for dummies) studiando e applicando le basi fondamentali che vi sto suggerendo. Il lavoro su di sé può essere affiancato a qualunque altra pratica, qualunque movimento, tradizione o guru stiate seguendo. Non potrete che trarne beneficio.
Ve ne sarò grato per sempre.

Continua con la terza lezione.

Salvatore Brizzi | Link all’articolo

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L'attivazione dei cookie agevola la navigazione sul Web. I cookie sono file creati dai siti web che hai visitato, che memorizzano informazioni, ad esempio la tua lingua preferita o i dati del profilo. Questo sito non fa uso di cookie a fini di profilazione. Sono presenti invece cookie di terze parti per l'integrazione con i social network. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. L'attivazione dei cookie agevola la navigazione sul Web. I cookie sono file creati dai siti web che hai visitato, che memorizzano informazioni, ad esempio la tua lingua preferita o i dati del profilo. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi