Un Corso in Miracoli: Lezione 11

I MIEI PENSIERI SENZA SIGNIFICATO MI MOSTRANO UN MONDO SENZA SIGNIFICATO.

1. Questa idea e’ la prima che abbiamo avuto che sia in reazione ad una fase importantissima del “PROCESSO DI CORREZIONE“: il capovolgimento del modo di pensare del mondo.
Sembra che sia il mondo a determinare quello che percepisci.
L’idea di oggi introduce il concetto che sono i TUOI pensieri a determinare il mondo che vedi.
Sii veramente felice “DI PRATICARE” quest’idea nella sua forma iniziale, perché in essa è la certezza della “TUA LIBERAZIONE”.
LA CHIAVE DEL PERDONO SI TROVA IN ESSA.

2. I periodi di pratica per l’idea di oggi vanno intrapresi in maniera piuttosto diversa dai precedenti.
Inizia con gli “OCCHI CHIUSI”, e ripeti lentamente l’idea a te stesso.
Poi apri gli occhi e guardati intorno, vicino e lontano, in alto e in basso, ovunque.
Durante il minuto circa da dedicare all’uso dell’idea, ripetila semplicemente a te stesso, assicurandoti di farlo senza fretta e senza alcun senso di urgenza o di sforzo.

3. Per trarre da questi esercizi il maggior beneficio possibile, gli occhi si devono spostare da un soggetto all’altro abbastanza rapidamente, poiché non devono soffermarsi su niente in particolare.
Le parole, tuttavia, dovrebbero essere usate senza fretta, o meglio ancora con tutto comodo.
L’introduzione a questa idea, in particolare, “VA’ PRATICATA” nella maniera più casuale possibile.
Essa contiene “IL FONDAMENTO” per “LA PACE”, il rilassamento e la libertà dalle preoccupazioni che stiamo cercando di ottenere.
Nel concludere gli esercizi, “CHIUDI GLI OCCHI” e ripeti ancora una volta l’idea, lentamente, a te stesso.

4. Per oggi saranno probabilmente sufficienti tre periodi di pratica.
Comunque se provi poco o nessun disagio e ti senti incline a volerne fare di più, puoi arrivare fino a cinque.
Non è raccomandabile farne di più.

Gli esercizi qui proposti li trovi sul libro UN CORSO IN MIRACOLI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *