Da dove arriva il pensiero? Cos’è il pensiero?

Il pensiero prende origine dalla supercoscienza, cioè dalle parti superiori di voi stessi. Il pensiero crea perché deriva dalla supercoscienza che è anche spirituale e divina.

Questa supercoscienza mette in moto un processo di trasformazione o di guarigione: è questo il motivo per cui spesso vi parliamo della “forza del pensiero”.

Il pensiero emesso dalla supercoscienza scende nella coscienza spirituale e poi nella coscienza umana. Nella sua discesa, la forza del pensiero può affievolirsi. Se non vi trovate in un certo livello vibratorio, il pensiero, nella sua discesa fino alla coscienza umana, può indebolirsi ed essere ostacolato dai dubbi emessi dalla personalità.

Ripetiamo questa cosa (di notevole importanza): dal momento in cui siete consapevoli che il vostro pensiero appartiene alla vostra supercoscienza – cioè alla vostra coscienza spirituale e divina, la coscienza della parte superiore del vostro essere – i gradini che vi conducono alla personalità umana, devono poter essere superati senza la minima interferenza.

Chi crea queste interferenze? Ovviamente è l’ego e il dubbio! Se compare anche il più piccolo dubbio, il pensiero resta bloccato ad un certo livello e lì ristagna. Non potendo accedere alla personalità umana, non potrà quindi agire su di essa.

Pertanto, affinché il pensiero e il corpo possano davvero essere in sintonia e affinché anche la supercoscienza e la coscienza umana possano davvero essere in sintonia, occorre fare il massimo per evitare di avere il minimo dubbio sulle vostre possibilità, su ciò che siete e sulla vostra appartenenza al di là della vostra persona e della vostra personalità umana.

Tutto questo non è facile per voi perché fate sempre riferimento all’essere umano. Può darsi che la vostra frequenza vibratoria non sia ancora abbastanza elevata da poter superare la vostra personalità umana. Non potete quindi far scendere completamente la forza del pensiero, emessa dalla supercoscienza, negli altri due livelli un po’ meno elevati che sono la coscienza spirituale e la coscienza umana. Tutto questo si impara, soprattutto con la fiducia e la fede.

Apriamo una piccola parentesi che riguarda la fede religiosa. Perché talvolta si verificano dei miracoli assolutamente straordinari? Sono dovuti alla forza del pensiero che agisce semplicemente sul corpo? Essi sono causati dalla totale assenza di ostacoli tra la coscienza del corpo e l’emanazione della supercoscienza o coscienza divina. C’è fluidità perché c’è fede, perché c’è una fiducia totale.

Se andate a Lourdes, potete avere questa totale fiducia se siete certi che la Vergine potrà aiutarvi. Potete inoltre accedere a questa totale fiducia se siete completamente nella fede, che sia religiosa oppure no. Si tratta di avere fede, quindi di avere semplicemente fiducia.

Voi che siete i bambini del domani (qualunque sia la vostra età, siete i bambini del domani), imparate cosa siete, scoprite chi siete senza ricorrere a nessun tipo di aiuto, imparate che al di là della vostra personalità umana risiede una forza straordinaria; spetta solo a voi lasciarla scorrere dagli altri due livelli fino alla realizzazione dei vostri desideri, cioè realizzare la vostra trasformazione con la forza del vostro pensiero. Eliminate in questo modo tutti gli ostacoli e si verificheranno dei miracoli!

In India, alcuni guru sono in grado di creare delle cose assolutamente straordinarie con la forza del loro pensiero. Grazie alla loro fede e alle loro pratiche, sono riusciti a lasciar libero il passaggio tra la supercoscienza e gli altri due livelli, finché la forza del loro pensiero non agisce sulla materia. È una specie di fede, di fiducia e anche di apprendimento, perché non succede tutto con un semplice colpo di bacchetta magica; bisogna perseverare!

Tra l’altro, se la vostra mente è sempre piena di pensieri parassiti (non ci riferiamo ai pensieri inferiori), è molto difficile per la supercoscienza inviare la sua potenza e la sua forza alla coscienza spirituale e alla coscienza umana. Tutti i pensieri che create possono essere dei pensieri parassiti che non fanno altro che disturbarvi.

È quindi opportuno esercitarvi a fare il vuoto mentale per svuotare la grande stanza nella quale immagazzinate tutti i pensieri che nascono continuamente in voi. È necessario imparare a fare silenzio, a svuotare questa immensa stanza dove tutti i pensieri si riuniscono. Dovete liberarvi di tutti i pensieri che avete creato; essi si riuniscono ma non restano in questa grande stanza, poiché in seguito vanno ad unirsi a pensieri affini per creare delle eggregore.

Ecco come si fa a comprendere il funzionamento della mente, il funzionamento degli esseri umani. Ci sono ancora molti ostacoli che ponete in voi stessi. Tuttavia, poco a poco, il nuovo mondo che non vedete vi aiuterà a trasformarvi.

 

Messaggio canalizzato da Monique Mathieu | Fonte: ducielalaterre.org